tressette

Le regole del Tressette e come fare pratica gratis online

Il tressette è il gioco di carte italiano per eccellenza. Di origine romana, addirittura. Ha accompagnato i pomeriggi dei nonni e coinvolto noi stessi nei pomeriggi festivi post-pranzo. Non ha regole precise e uniche. E varia leggermente da regione a regione.

Tressette si gioca singolo o in squadra?

Il tressette è un gioco ideato per 4 giocatori, divisi in 2 squadre di 2. Ma si può giocare anche se i partecipanti sono 2, 3 o 5. Comunque in 2 squadre. Sempre.

Esempio: Se si gioca in 3… le squadre saranno da 1 e un’altra da 2 giocatori. Così anche per 5 giocatori si creano 2 squadre di 2 e 3 partecipanti.

Regolamento

Generalmente le regole usate sono quelle dell’Italia centrale e meridionale. Aree in cui è maggiormente giocato. La partita è di 4 giocatori con carte napoletane.

Tressette a 4, più usato

(2 squadre da 2 giocatori)

Fatte le squadre ci si dispone a croce alternandosi così che i partecipanti della medesima squadra sono uno di fronte l’altro.

Si sceglie il mazziere della prima mano attraverso una sorteggio, il quale mescola le carte e il giocatore alla sinistra taglia il mazzo.

Si danno le carte 1 o 5 per volta, in senso antiorario. Ognuno deve avere in mano 10 carte.

Nel caso in cui un partecipante non riesce ad arrivare al punteggio totale nelle carte, si può cominciare di nuovo la partita; stessa cosa è valida se un giocatore ha tre sette (3 sette).

Turni (passate) e Mano

La partita è composta da turni (passate è il termine corretto). Ogni giocatore gioca la sua carta.
Il totale delle 10 passate che servono per usare tutte le carte assegnate viene detto “mano”.

Vantaggi del 4 di denari e Pali

Se un giocatore ha la fortuna di trovarsi il 4 di denari ha il diritto di iniziare il gioco con una carta di sua scelta.

Partendo quindi dal giocatore di destra, in senso antiorario, inizia la partita. I giocatori devono lanciare una carta dello stesso seme (palo).

La presa è eseguita dalla squadra in cui è presente il giocatore che ha posto sul tavolo la carta che vale di più del palo (seme) giocato nel turno.  A lui spetta aprire la successiva passata fino a quando le carte non finiscono.

Piombo?

Nell’eventualità che non si disponga di nessuna carta del seme usato (detta questa eventualità Piombo), si può continuare a giocare con altra carta ma…la possibilità alla presa si perde.
Ecco perché in presenza di un Piombo, di solito è meglio svincolarsi dalle carte che valgono meno.
Oppure, per lo meno, quelle meno utili per la tattica di gioco scelta.

Quando si calcola il punteggio?

Alla conclusione della mano viene contato il punteggio delle squadre. Come? Con le carte prese nella mano appena giocata. Sommandolo, poi, ai punteggi fatti se si sono fatte mani prima.

Il mazziere è sempre uguale?

Ogni mano il mazziere cambia. Si rispetta sempre il senso antiorario. Chi apre il gioco è il primo che ha avuto le carte.

Quando si conclude la partita?

Dettaglio che merita un’attimo di attenzione.  La partita ha fine nel momento in cui la squadra vincitrice raggiunge la soglia punti di 21, 31 o 41.

Perché 3 soglie indicate? Per via della variazione che il punteggio subisce da regione a regione. Di solito sono questi 3 i punteggi maggiormente seguiti.

Il tressette è un gioco di carte affascinate e misterioso quasi. Richiede pratica ed allenamento. Ma divertente che alimenta l’enfasi di squadra.

Sul web, sono svariati i siti gratuiti per poter giocare e divertirsi. Per esempio, uno dei migliori nonché più completo e serio è Giochistars.it. Molto usato e soddisfacente.