ristrutturazioni

Quanto costa ristrutturare una casa

Tutti prima o poi si trovano di fronte all’esigenza di ristrutturare casa. Nella maggior parte dei casi si tratta di un processo lungo e a volte anche complicato e senza dubbio ci sono molti fattori che influenzano la ristrutturazione stessa e il prezzo finale di tale lavoro. Tuttavia basta realizzare un bilancio preventivo sui soldi che si vogliono spendere e un progetto dei lavori da realizzare e tutto risulterà più semplice.

Ma quanto costa ristrutturare una casa?

La prima cosa da fare è un budget personalizzato. Per avere una idea su quanto potrebbe costare ristrutturare una casa, è possibile chiedere un preventivo collegandosi al sito Inteext

Altrimenti si può compilare un budget personalmente, non considerando soltanto il prezzo finale, dal momento che ci sono diversi fattori che influenzano il costo di una ristrutturazione, ma cercando di considerare tutti gli elementi che dovrebbero essere coinvolti nei lavori.

Il consiglio è sempre quello di analizzare punto per punto le possibili spese, magari facendo anche più di un budget e in un secondo momento fare un confronto dei budget redatti e scegliere il progetto più accurato.

Elementi da tenere in considerazione

Quando si ristruttura una casa è importante valutare se occorre rinnovare le strutture, ovvero l’impianto idraulico e quello elettrico. In linea generale, se si prendono in considerazione gli elementi principali, ovvero rifare i pavimenti, demolire e ricostruire muri, intonacare, cambiare le finestre, ecc. il prezzo può andare anche dai 300 agli 800 euro al metro quadro.

Si dovrebbe poi vagliare l’ipotesi di un cambio di distribuzione delle stanze principali, tra cui la cucina e il bagno, sicuramente i vani più impegnativi, dato che hanno spesso tubature da cambiare.

Occorre poi tenere presente i materiali da costruzione, che possono essere economici o di prima scelta. Una idea potrebbe essere quello di scegliere qualcosa di buono, ma che rispetti il famoso rapporto qualità-prezzo.

Quando si acquistano i materiali da costruzione, infatti, i prezzi contrassegnati sono sempre indicativi. Il costo finale può variare in base ad alcune esigenze e occorre calcolare anche il costo del lavoro.

Quali sono i costi straordinari?

Le piastrelle e i pavimenti sono sicuramente un elemento da ponderare. Bisogna valutarne le qualità, la dimensione della casa e il prezzo al metro quadro. Bisogna poi tenere presente anche le opere in muratura, e la presenza di figure quali il muratore, il piastrellista, lo stuccatore, ecc.

Altri lavori da considerare e che dovrebbero sempre essere inclusi nel bilancio della ristrutturazione della casa sono:

  • La modifica dei telai delle porte;
  • Le finiture e i dettagli;
  • Gli intonaci delle pareti;
  • La possibile realizzazione di pareti divisorie e controsoffitti.

Infine, prima di iniziare la ristrutturazione è molto importante stimare la durata dei lavori. Questo, infatti, potrebbe rappresentare un problema da non sottovalutare, dal momento che durante lo svolgimento dei lavori, potrebbe non essere possibile vivere all’interno della casa o usare alcune delle sue stanze, quindi è necessario trovare un posto in cui potere stare durante il periodo di rinnovo.