Tre luoghi da visitare sul lago maggiore

iL lago Maggiore è il secondo lago più grande d’Italia con i suoi 212 km quadrati, attraversato dal confine tra Lombardia (est) e Piemonte (ovest), mentre la sua estremità settentrionale è nel Canton Ticino svizzero. Ad un’altitudine di 193 metri sul livello del mare, il lago è lungo 54 km, con una larghezza massima di 11 km e una profondità massima di 372 metri.
Ecco tre luoghi da visitare sul Lago Maggiore.

Eremo di Santa Caterina del Sasso

Si tratta di una delle cose più belle da vedere nella zona: un eremo risalente al 12° secolo che guarda il lago e pende dalla scogliera rocciosa.
Per raggiungere la cappella dai parcheggi, è possibile utilizzare una scala in pietra dove si può ammirare il lago o prendere un ascensore di 55 metri all’interno di un pozzo al costo di 1 euro. La visita è gratuita.
La storia dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso viene da un mercante che navigava sul Lago Maggiore e fu sorpreso da una tempesta che distrusse la sua nave. Il mercante riuscì a sopravvivere e arrivò a questo punto dove decise di arrendersi alla Vergine Santa Caterina d’Alessandria e dedicarsi alla vita ascetica, costruendo questo eremo e in seguito il monastero.
La foto più bella la si può scattare dall’arco che precede la chiesa (in particolare nel pomeriggio, quindi le foto possono essere scattate sulla via del ritorno con una luce migliore). Il tempio è pieno di affreschi e sullo sfondo ci può scorgere la cappella originale, che contiene anche il corpo mummificato del mercante, Alberto Besozzi.

Isole Borromee

L’arcipelago delle Isole Borromee è costituito dall’Isola Madre, l’Isola dei pescatori e l’Isola Bella. Per qualche motivo ancora ignoto, questo posto era uno dei nascondigli preferiti di Hemingway e anche un luogo di svago preferito della famiglia reale britannica.
Il nome deriva dalla famiglia Borromeo di Firenze, che acquistò le isole nel XIV secolo e le abbellì con giardini accompagnati da palazzi. Ad oggi, l’isole Madre e l’isola Bella continuano ad appartenere ai Borromeo (sono conosciute come Isole Sorelle), quindi è necessario acquistare un biglietto per visitarle: il pass di 21 euro consente di esplorarle entrambe e include anche l’ingresso a alla Rocca di Angera.L’Isola Madre è nota per i suoi giardini in stile inglese, che a loro volta ospitano un’infinità di specie floreali che si fondono con le acque formando un mantello multicolore. A questo dobbiamo aggiungere la fauna che abita l’isola, mettendo in evidenza soprattutto i pavoni albini.
Poi c’è il suo palazzo, il cui ingresso è presieduto da un antico e grande cipresso.L’Isola dei Pescatori è l’unica abitata (circa 50 residenti). Situata di fronte a Stresa, quest’isola è piena di bancarelle artigianali e piccoli ristoranti con vista sul lago che servono pesce fresco tutti i giorni. Questo è il motivo per cui l’Isola Pescatori è il posto ideale dove fermarsi a pranzo.
Qui in estate i pescatori accompagnano la processione della Vergine Assunta in giro per l’isola, che è uno spettacolo molto suggestivo.

L’Isola Bella deve la sua denominazione per due motivi: al fatto che è molto carina e perché prende il nome da una delle donne della famiglia Borromeo, Isabella, moglie di Carlo III.
Sull’Isola Bella si trova l’imponente Palazzo Borromeo, con impressionanti aree paesaggistiche piene di fiori disposti su più livelli e all’interno delle sale che ricordano la grandezza e il potere d’acquisto di questa famiglia. In effetti, molti esperti di arte decorativa considerano questo palazzo troppo ornato e ostentato per l’epoca. Attraverso le sue camere da letto sono passati Napoleone Bonaparte e Benito Mussolini.

I traghetti per le isole all’interno del lago partono ogni giorno facendo diverse fermate. Il prezzo di un biglietto giornaliero è di 18 euro.

Lungolago di Stresa

Per una passeggiata pomeridiana sul Lago Maggiore, ci si può dirigere verso Stresa, dove è presente un lungolago di 2 km che si snoda attraverso giardini fioriti e grandi hotel in stile Liberty.
La cittadina di Stresa è nota anche per essere uno dei maggiori esponenti dello stile Liberty nel Modernismo, che si può percepire a occhio nudo nella sua maestosa architettura. È una città piccola ma elegante, un luogo turistico ma allo stesso tempo affascinante. Ha piccole piazze con ristoranti e caffè e molti negozi di prodotti tipici.