Confezioni riciclabili per cosmetici più ecosostenibili

L’inquinamento ambientale è un problema molto serio, e ogni anno le condizioni dell’habitat in cui viviamo tendono a peggiorare.

A farne le spese sono la natura, che vede i propri spazi e i propri ambienti contaminati a tal punto da essere irriconoscibili, e gli animali, che sempre più spesso pagano con la propria vita il prezzo di un mondo ormai troppo sporco.

Ecco perché sempre più persone si chiedono cosa possiamo fare per salvaguardare e tutelare l’ambiente.

La cosmetica e i packaging ecosostenibili

Oltre ad importanti iniziative, come quelle relative alla raccolta differenziata, l’industria della cosmetica, ha deciso di intraprendere un percorso che possa in qualche modo sostenere l’ambiente, e ha così deciso di optare per delle confezioni meno inquinanti.

Tutti i prodotti appartenenti a questo mondo, tra cui troviamo shampoo, bagnoschiuma, balsamo, maschere ed impacchi vari, ma anche saponi, deodoranti, trucchi e creme, verranno realizzati in apposite confezioni ecosostenibili, le quali potranno essere riciclate al fine di garantire la possibilità di recuperare queste risorse importanti.

I dati legati al consumo della plastica

Ogni anno circa 350 milioni di tonnellate di plastica vengono prodotte per essere utilizzate nel settore degli imballaggi e del confezionamento, e la maggior parte di questa quantità andrà a formare il numero dei rifiuti considerati pericolosi per l’ambiente.

Sono proprio questi i prodotti che ognuno di noi consuma in maniera spropositata, e che arrivano ad essere un serio problema per il nostro paese.

Questa situazione è stata spesso affrontata con leggerezza, e negli anni è stato raggiunto il punto di non ritorno con la produzione di più di 17 milioni di scarti solamente per quanto riguarda il contesto europeo.

L’iniziativa presa dal settore della cosmesi

Il settore cosmetico, che da sempre è uno dei più grandi responsabili della produzione di prodotti e confezioni di plastica, ha deciso di invertire questa rotta preoccupante.

Il noto gruppo P&G Beauty, ad esempio, ha lanciato recentemente sul panorama europeo un nuovo flacone di shampoo interamente realizzato in alluminio, il che renderà questo prodotto completamente riciclabile, o comunque vi sarà un minor spreco di risorse, in quanto esso potrà essere ricaricato più volte.

Questo nuovo tipo di involucro sarà lanciato sul mercato nel 2021, e conterrà prodotti firmati Pantene, Herbal Essence, Head&Shoulders e Aussie.

Confezioni che convergono l’anidride carbonica

Altri marchi famosi, come L’Oréal e Total hanno prodotto una confezione innovativa che deriva dalla conversione dell’anidride carbonica emessa dalle industrie.

Questa, tramite un processo di conversione, trasforma l’etanolo in etilene, garantendo delle confezioni con caratteristiche analoghe alle classiche conosciute.

La politica green indetta dai grandi marchi

Altre aziende molto note come Yves Rocher, hanno optato per produrre beni senza confezioni, mentre altre come Lavera e Ren, hanno adottato confezioni del tutto riciclabili.

Anche Lush da anni risulta attiva in questo campo, promuovendo l’uso di vasetti neri riciclabili, e altre ditte invece si avvalgono di imballaggi riciclabili.

Il settore del make-up si è adeguato a questa iniziativa e alcuni brand, tra cui Kiko, si è impegnata a produrre una collezione denominata Green Me che mette a disposizione del cliente prodotti naturali e a basso impatto ambientale.

Una nuova politica che scoraggia l’uso della plastica monouso

Dal 1° gennaio 2020 l’Italia ha deciso che da ora in avanti, sempre più prodotti in plastica verranno sostituiti da prodotti biodegradabili.

Il primo passo è avvenuto nel mondo dei cotton fioc, che ora vengono prodotti in maniera ecologica, e che da soli potrebbero abbassare l’impatto che la plastica monouso riversa sull’ambiente.

Anche molti altri oggetti come bicchieri, posate e piatti di plastica sono stati in parte sostituiti da stoviglie completamente biodegradabili, che hanno l’obiettivo di scongiurare l’utilizzo di plastica monouso.