Prestiti Personali e usura: interessi oltre 100% anno

Piccola premessa molto importante: il mondo dei prestiti non ha nulla a che fare con quello dell’usura. I prestiti sono una sorta di aiuto regolamentato da leggi molto severe e precise che hanno il compito di aiutare un contribuente in difficoltà.

Certo, ci sono delle condizioni e dei parametri da rispettare che, ovviamente, devono tutelare sia l’istituto di credito che l’utente. Senza dimenticare che gli interessi sono nettamente inferiori rispetto all’usura.

Con l’usura è vero che le condizioni sono praticamente inesistenti – il prestito viene concesso a tutti – ma, comunque, i tassi di interesse sono elevatissimi. E, soprattutto, cambiano di volta in volta, mettendoti al centro di un vortice pericolosissimo. Da cui è difficile uscire, anche perché non ci sono contratti e tutele in tal senso.

Preferire sempre i canali ufficiali

Proprio per questo motivo, è sempre meglio richiedere prestiti attraverso canali ufficiali e legali. Perché non è vero che le leggi sono solo a favore dei colossi ma cercano di bilanciare le due esigenze.

Infatti, ad esempio, se hai un problema puoi non solo rivalerti contro l’istituto di credito ma puoi anche avere l’appoggio degli enti competenti e delle associazioni di categoria.

Senza dimenticare che, comunque, ribadiamo, i tassi di interesse sono molto più bassi. E, a rafforzativo di quanto abbiamo scritto prima, i tassi di interesse non sono alti proprio perché, comunque, sono regolamentati per legge.

La Banca d’Italia, non a caso, emette delle soglie che rientrano nei tasi ‘accettabili’. Oltre quelli, si parla di usura.

La via ‘ufficiale’ è sempre la migliore, anche se devi combattere contro la burocrazia e i tempi non sono brevissimi. E, ti assicuriamo, che in alcuni casi non è necessario essere il classico lavoratore dallo stipendio sicuro che, quindi, deve offrire tutte le garanzie possibili e immaginabili.

Forse un tempo era così ma, oggi, le condizioni sono drasticamente cambiate.

Informarsi bene su tutte le opportunità

Del resto, basta semplicemente informarsi al meglio e non farsi cogliere impreparate. Le formule relative ai prestiti sono tanti e alcune sono dedicate a una particolare categoria di persone.

Ad esempio, ci sono prestiti dedicati agli autonomi, che vogliono un piccolo sollievo in momenti difficili come quelli che stiamo vivendo. Dedicati a chi vuole aprirsi un’attività, con finanziamenti anche a fondo perduto.

Oppure dedicati persino a chi non ha un lavoro, ma ha una fonte di reddito, come potrebbe essere il fitto di un secondo immobile. O, ancora, a chi ha un contratto a termine, ad alcune particolari condizioni. Per non parlare, poi, ovviamente, di chi ha il classico ‘posto fisso’ ed è un lavoratore statale. Senza dimenticare anche i pensionati, che possono perfino fare da garante.

Si può anche ‘approfittare’ delle varie leggi che sono state approvate per i giovani e per chi è in procinto di fare un grosso investimento, come quello della casa. Certo, magari se non si è esperti del settore è anche difficile trovare le informazioni giuste. Però, comunque, l’importante è affidarsi a qualcuno di esperto che possa tranquillamente darti tutte le ‘carte’ in mano necessarie allo scopo.

L’usura sta mettendo in rovina diverse famiglie

Prestitimag, tramite il suo radar sul mondo dei prestiti personali, ci segnala l’operazione della Guardia di Finanza di Cosenza citata da Ansa: https://www.ansa.it/calabria/notizie/2021/12/20/usura-prestiti-al-120-annuo-durante-crisi-covid-arresti_a76ac669-3760-4da8-8fdc-ad3f0110e675.html.

È da qui, infatti, che vogliamo partire per concludere al meglio questo approfondimento. Si sa, l’usura è un reato e soprattutto in tempi di pandemia ci sono state tante persone che hanno ricorso a questa formula per provare a mettere il piatto a tavola.

Non è la soluzione ideale, anche se all’inizio sembra che lo sia. Del resto, non ci sono controlli da superare, non c’è la burocrazia che può mettere i bastoni tra le ruote, puoi richiedere sulla carta qualsiasi cifra e, quindi, sembra tutto rose e fiori. A ciò, aggiungiamo che i soldi dell’usura arrivano in contanti, non sono tracciabili e quindi non sono soggetti ad alcuna verifica.

Ecco, però, poi, quando c’è da ridarli indietro tutto diventa più complicato. Perché si passa anche alle minacce, quando ad esempio non si riesce a far fronte al pagamento di tutti gli interessi (per intenderci, si parla anche del 100%. Quindi se hai 10mila euro derivante dall’usura, ne dovrai restituire 20mila, non certo una cifra ridotta, ecco) ecco che la situazione si complica.

Perché, in quel caso, non avrai nessuno a cui rivolgerti e sarai soltanto succube di una situazione che ti sfuggirà di mano.

I prestiti personali, quindi, al netto di qualcosa che va comunque migliorato, sono la soluzione ideale per non perdere la retta via. E se c’è burocrazia oppure i controlli sono molto forti, questo è un bene per te. Perché, se sei una sicurezza per l’istituto di credito, al netto di eventi particolari, difficilmente potrai andare in sofferenza di liquidità.