Comacchio,, la “piccola Venezia” a Ferrara: cosa vedere?

Comacchio è un gioiello in provincia di Ferrare ed è chiamata la Piccola Venezia. Piccola e caratteristica, piena di stradine e canali con il tempo che sembra essersi fermato nel medioevo. Si può passeggiare oppure fare un giro in barca: ma quali sono i posti da non perdere?

Cosa vedere a Comacchio

A Comacchio ci si deve andare almeno una volta nella vita. Per chi si trova a Ferrara, questo luogo che è fermo al Medioevo regala una sensazione bellissima. Da non perdere il giro in barca con le batane, che sono le imbarcazioni tipiche condotte dai barcaioli che conoscono tantissime storie da raccontare. Tra i posti più belli da vedere citiamo:

  • Trepponti

Sono il vero e proprio simbolo di Comacchio, infatti appaiono in ogni cartolina e immagine del web che caratterizza la cittadina. I Trepponti sono stati costruiti a seguito di un progetto per l’architetto Luca Denasi nel 1634. Un monumeto che caratterizza e fa capire il vero carattere della città. Una volta era qui la porta di ingresso per tutte le persone che arrivavano dal mare, mentre oggi è solo un simbolo caratteristico. La sua ubicazione è strategica, infatti mette insieme 4 canali e 5 percorsi per i pedoni che possono provenire da diverse direzioni. Le torri di guardia sostengono due dei 5 percorsi pedonali con delle scritte che descrivono la cittadina.

  • Duomo di Comacchio

La Basilica di San Cassiano la si incontra mentre si cammina. Grande e regale si trova in Piazza XX Settembre ed è stata consacrata nel 1740, presentandosi con una facciata che ha i colori del sole in mattone e pietra d’Istria. Il suo interno è importante, infatti possiede una grande navata centrale e 6 altari per ogni lato. Non mancano le tele degli artisti di Bologna e gli angeli che custodiscono l’altare che c’è sullo sfondo.

  • I Canali

Viene appunto chiamata la Piccola Venezia per i suoi innumerevoli Canali, con le sue batane che sono parcheggiate e ondeggiano in attesa di portare i turisti in giro per la città. Affascinanti danno colore a Comacchio e la rendono diversa dalle altre città: le batane, come accennato, sono le sue imbarcazioni tipiche similari alle gondole ma predisposte alla navigazione in acque basse.

  • Centro Storico

Corso Mazzini e Corso Garibaldi sono le due arterie principali di Comacchio. Il centro storico è arricchito di case colorate che sono affacciate direttamente sull’acqua con una simbiosi tra elementi che solo chi vive in questo posto può capire. Le case sono semplici e sono accompagnate dai monumenti, così omogenee e compatte che viene voglia di bussare per visitarle.

  • Loggia dei Mercanti

La Loggia dei Mercanti e la Torre dell’Orologio sono senza dubbio due tra le cose da non perdere a Comacchio. Il motivo è semplice: si trovano una di fronte all’altra quasi come per indicare chi comanda in questa cittadina. La Loggia dei Mercanti risale al 1621 ed era un granaio pubblico per i poveri della città, arricchita da un portico e colonne bianche in marmo.

La Torre dell’Orologio invece è un rifacimento dell’800 con uno sviluppo irregolare ad ottagono che si poggia sulla pietra di Istria.

  • Palazzo Bellini

Questo è un palazzo del 1800 che deve il suo nome alla famiglia aristocratica a cui apparteneva. Oggi è la sede della Biblioteca e dell’Archivio Storico. Ma al suo interno si può visitare anche la Galleria d’Arte Moderna con un calendario sempre ricco di tantissime mostre.

  • Loggiato dei Cappuccini

Questo è il convento dei Cappuccini che risale al 1600 ed è impreziosito da una fila di portici e 152 archi. Un bellissimo angolo dove poter fare delle passeggiate e godere di un angolo silenzioso, oltre che storico e molto bello.